Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Discorso del Console Generale Mario Baldi in occasione della Festa della Liberazione (Zurigo, 25 Aprile 2024)

Se volete andare in pellegrinaggio, nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati, dovunque è morto un italiano, per riscattare la libertà e la dignità: andate lì, o giovani, col pensiero, perché lì è nata la nostra Costituzione”.

È Piero Calamandrei che rivolge queste parole a un gruppo di giovani studenti, a Milano nel 1955.

*****

Rivolgo un saluto a tutti i presenti, in particolare il Presidente del Comitato 25 Aprile di Zurigo, Cav. Luciano Alban ed ai membri della Presidenza del Comitato, Ginevra Poggi e Laura Nembri.

Ringrazio e saluto l’On. Toni Ricciardi della Camera dei Deputati ed il Sindaco di Wetzikon, Pascal Bassu.

E ringrazio tutti voi, in particolare i rappresentanti della comunità italiana, per essere qui a celebrare insieme una data speciale per la storia del nostro Paese, perché celebrando la Festa della Liberazione, la Repubblica Italiana celebra oggi le sue radici.

Il frutto del 25 aprile è infatti la nostra Costituzione.

*****

Il 25 aprile è la Festa della identità italiana, ritrovata e rifondata dopo il fascismo.

Come ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il 25 Aprile segna anche la data della “riconquista della Patria e della conferma dei valori della sua gente, dopo le ingannevoli parole d’ordine del fascismo: il mito del capo; un patriottismo contrapposto al patriottismo degli altri in spregio ai valori universali che animavano invece il Risorgimento dei moti europei dell’800 (…); combattere non per difendere la propria gente ma per aggredire. Non per la causa della libertà ma per togliere libertà ad altri”.

Con il 25 Aprile e poi con il referendum del 2 Giugno 1946 e’ nata una democrazia forte e matura nelle sue istituzioni e nella sua società civile, che ha permesso agli italiani di raggiungere risultati inimmaginabili.

*****

Ed è bello festeggiare questa importante ricorrenza in Svizzera, un’antica democrazia, un paese che ha resistito a guerre e ad invasioni, che non si è mai inginocchiato a nessun tiranno.

Un paese che – durante gli anni bui del fascismo – ha dato ospitalità e protezione a tanti dissidenti italiani – i cosiddetti “fuoriusciti” – in fuga dalla repressione e dalla violenza del regime fascista.

Un paese che, subito dopo la caduta di Mussolini nel luglio del 1943, ha visto nascere le Colonie Libere Italiane. Il 21 novembre del 1943 a Olten le prime 10 Colonie Italiane si unirono nella Federazione delle Colonie Libere Italiane in Svizzera, con il compito di aiutare i rifugiati politici italiani e di mantenere i contatti con la Resistenza.

Un Paese dove trovarono rifugio dopo l’armistizio dell’8 settembre circa 20.000 soldati italiani e altrettante migliaia di civili, in fuga dall’occupazione tedesca e dalla violenza che imperversava in Nord Italia.

*****

Per questo, cari amici italiani, è bello ed importante celebrare qui in Svizzera il “nostro” 25 aprile.

Nostro, di noi Italiani, di tutti gli Italiani!

Viva la Festa della Liberazione!

Viva l’Italia!

Viva la Repubblica!